gennaio 2017

Istat: disoccupazione giovanile risale al 40%

“ Il tasso di disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 24 anni risale a dicembre superando quota 40%. È quanto rileva l’Istat spiegando che la quota di disoccupati sul totale degli attivi in quella fascia di età (occupati e disoccupati) a dicembre è al 40,1%, in aumento di 0,2 punti percentuali sul mese precedente, al livello più alto da giugno 2015.

Share

Ansaldo Sts, utile netto giù del 16,3% per il 2016

La società – attiva nel settore trasporto ferroviario e metropolitano – ha registrato per l’anno 2016 una diminuzione del 16,3% rispetto al 2015.
Il volume dei ricavi è stato pari a 1,327 miliardi, 56,5 milioni in meno rispetto ai 1,383 miliardi del 2015. Il risultato operativo è in diminuzione di 9 milioni di euro rispetto al 2015 ( attestandosi a circa 127 milioni).

Share

Unicredit perde 11,8 miliardi e si prepara all’aumento di capitale

Unicredit registra una maxi-perdita da 11,8 miliardi di euro per il 2016, in gran parte determinata dalle già annunciate pulizie straordinarie del bilancio dai crediti in sofferenza e dalle svalutazioni di alcuni asset come il Fondo Atlante, e si prepara così all’aumento di capitale da 13 miliardi — il più grande mai realizzato a Piazza Affari – che potrebbe partire già lunedì 6 (per concludersi il 24 febbraio) o, se i tempi non lo consentiranno, lunedì 13.

Share

Fmi contro patto Ue: “Paesi mancano obiettivi in modo sistematico”

 

È il duro attacco che il Fondo monetario internazionale fa all’Unione europea. Portando ad esempio gli obiettivi fiscali di medio termine dal 2002 al 2015 che sono stati violati “ogni singolo anno da quasi due terzi dei Paesi membri”. Il rispetto delle regole, osserva il Fmi nel suo rapporto sulle politiche fiscali nell’area dell’euro, “è peggiorato in maniera particolare durante la crisi: nel 2009 gli obiettivi di medio termine sono stati violati dal 90% dei Paesi, il tetto di debito dal 50%, il limite del deficit dall’85% e l’aggiustamento fiscale richiesto dal 75%”.

 

Share

Caio, Poste Italiane: “Strumenti risarcitori di IRS partiranno ad Aprile”

L’Ad di Poste Italiane Francesco Caio ha annunciato che saranno offerti “prodotti risarcitori” agli investitori del fondo ‘Invest Real Security’ – e che tali ‘sottoscrizioni risarcitorie’ saranno disponibili da aprile prossimo. L’obiettivo dichiarato è di permettere ai risparmiatori – investitori  di recuperare nei prossimi 5 anni la somma persa.

Share

Trump, eliminato il Tpp e “cancellato” l’Obamacare

Appena conclusa la cerimonia, prima del ballo serale, il nuovo presidente degli Stati Uniti ha firmato una serie di ordini esecutivi: il primo autorizza le agenzie federali a ridurre il più possibile i costi di «Obamacare», cioè la riforma sanitaria approvata dal suo predecessore. Una mossa simbolica poiché in campagna elettorale Trump aveva ripetutamente definito questa legge un disastro. Ma anche una mossa strategica, perché i repubblicani al Congresso non hanno ancora pensato come rimpiazzarla.

Share

Boeri, Inps:”Manovra pensionistica iniqua”

La manovra fa aumentare il debito implicito, scaricando gli oneri sulle generazioni future: aumenta la spesa pensionistica a favore di categorie che hanno già fruito di trattamenti vantaggiosi”. Così ha dichiarato Tito Boeri, presidente Inps, al convegno “Tutto pensioni” organizzato dal Sole 24 ore a proposito della manovra contenuta nell’ultima legge di bilancio.

Share

Nielsen, l’87% dei navigatori web italiani fa acquisti on line

L’eCommerce sta cambiando il concetto stesso di fare acquisti e le sue declinazioni. In particolare all’esigenza dei consumatori sempre più consolidata di richiedere un maggior numero di informazioni relativamente a ciò che devono acquistare rispetto al passato. Ci troviamo davanti alla sfida di dovere considerare che i confini tra digitale e fisico risultano sfuocati. Per esempio, si passa dalle recensioni online del prodotto, alla lettura di volantini, al passaparola (reale o on line) e, soprattutto, a quanto si può reperire all’interno dello store fisico dal personale addetto alla vendita.

Share

Moleskine esce da Piazza Affari, e non sarà più italiana

E’ il secondo addio eccellente a Piazza Affari nel giro di poche settimane (dopo Parmalat). Il controllo della società (finora nelle mani italiane) è ormai passato nelle mani dei belgi di D’Ieteren, gruppoche si occupa di distribuzione di automobili, riparazione di parabrezza. Oggi 24 gennaio, le azioni di Moleskine saranno cancellate dal listino della Borsa.

Share

Yahoo batte le stime del mercato e porta l’ultimo trimestre in utile

A fronte dei 13 centesimi di un anno fa e soprattutto dei 21 centesimi attesi dal consenso degli analisti l’utile per azione del gruppo si è attestato a 25 centesimi di dollaro. Anche i ricavi sono cresciuti da 1,27 miliardi a 1,47 miliardi, superando gli 1,38 miliardi previsti dal consenso. Il fatturato al netto delle commissioni pagate ai partner il traffico web è invece sceso del 4,2% a 960,1 milioni.

 

Share