Risparmio tradito. Coinvolte anche Poste Italiane

Quel gigante del risparmio gestito italiano che sono le Poste Italiane, durante la��era della��amministratore Massimo Sarmi, in oltre tre anni che vanno dal 2002 al 2005, hanno a�?piazzatoa�? nei loro 13mila ufficiA� quattro fondi immobiliari ad alto rischio ma con quote di ingresso minime accessibili a tutti (2.500 euro). Quando arriva la debacle delle performance dei quattro fondi ci si rende conto della��azzardo che era stato compiuto nel sottoporlo ai risparmiatori di Poste Italiane.

 

a�?C’A? un caso di risparmio tradito che ha fatto meno scalpore del Monte dei Paschi o dell’Etruria, ma che sta per deflagrare con numeri da capogiro. Riguarda migliaia di risparmiatori che hanno pensato bene di lasciarsi incantare dalla tradizionale sicurezza che garantivano i prodotti di risparmio postali, associati con un altro investimento “sicuro” come il mattone.

 

Era Sarmi. SA� perchA� le Poste, insieme ad altri collocatori, dal 2002 al 2005, sotto la guida di Massimo Sarmi, hanno venduto nei loro 13mila uffici le quote di quattro fondi immobiliari, che avevano in comune due cose: il prezzo, di 2.500 euro l’una (un taglio non elevato e per questo accessibile a molti portafogli) e l’alta rischiositA� dell’investimento. Il tutto era spiegato bene nei prospetti informativi dei fondi Invest Real Security, Obelisco, Europa Immobiliare 1 e Alpha, ma non sembra che sia stato spiegato altrettanto bene a chi si recava in Posta in cerca di consigli per i suoi risparmi. Che le cose non andassero nel verso giusto lo avevano capito tutti leggendo i rendiconti annuali dei fondi che hanno quasi sempre chiuso con perdite. Anno dopo anno, gli 850 milioni di euro raccolti inizialmente e divisi in oltre 340mila quote si sono quasi evaporati.

 

Il nodo A? giunto al pettine con la scadenza del primo dei quattro fondi. Cinque giorni fa, il 31 dicembre 2016, l’Invest Real Security, dopo aver allungato con una proroga la propria vita di tre anni nella speranza di vendere al meglio i propri immobili, ha chiuso i battenti. Le parole scritte nel rendiconto del fondo suonano come una lapide per gli investitori: “VerrA� effettuato un primo rimborso ad oggi stimato di 390 euro per quota entro il 31 marzo 2017”. Mentre “il rimborso finale complessivo a�� che comunque avrA� ad oggetto importi residuali a�� sarA� determinato solo con la liquidazione del fondo”. Potranno quindi arrivare pochi euro in piA?, ma si tratta comunque di un bagno di sangue per chi aveva comprato le quote a 2.500 euro l’una specie se si considera che in 13 anni il fondo ha distribuito solo 658 euro per quota. A giugno, gli esperti del fondo stimavano il valore delle quote a 1.229 euro, senza nemmeno immaginare che sei mesi dopo sarebbero state liquidate a meno di un terzo.

 

I motivi della debacle sono semplici. I fondi immobiliari raccolgono i capitali dai risparmiatori attraverso la vendita di quote e con il ricavato comprano palazzi: a volte li ristrutturano per poi venderli a un prezzo piA? elevato, a volte li rivendono dopo averli messi in affitto. Se le vendite e gli affitti vanno bene, i proventi vengono distribuiti o accumulati per aumentare il valore delle quote. Diversamente, si registrano perdite. Per portare a termine la propria missione il fondo ha 10 anni di tempo, ma in caso di difficoltA� la societA� che li gestisce applica una proroga. Per tutti i fondi collocati dalle Poste, la crisi del settore e il crollo dei prezzi degli immobili non hanno lasciato scampo. Il fondo Invest Real Security ne A? l’emblema: i suoi ultimi cinque immobili sono stati ceduti a prezzi di svendita. Il centro commerciale di Andria A? stato venduto per 8,8 milioni con una minusvalenza di 14,2 milioni rispetto al valore certificato al 30 giugno. E cosA� A? andata per tutti gli altri, il centro commerciale di Bologna (perdita di 11,9 milioni), un immobile a Rutigliano (meno 1,76 milioni), un palazzo a Cinisello Balsamo (minusvalenza di 3,5 milioni) e uno a Torino (meno 9,4 milioni).

 

L’affare lo hanno fatto i compratori finali degli immobili, chi nel 2003 li ha venduti ai fondi e le societA� che li hanno gestiti. La Investire sgr, una societA� del gruppo Finnat, la banca della famiglia Nattino, ha curato l’Invest Real Security e il fondo Obelisco. Per il fondo Europa Immobiliare 1, si A? mossa la Vegagest sgr, tra i cui azionisti figurano Carife, Cassa di Risparmio di San Miniato, Cattolica Assicurazioni, Popolare di Bari e Cassa di Risparmio di Cento, banche che non brillano certo per redditivitA�. La Fimit sgr, controllata dal gruppo De Agostini (64%) e dall’Inps (29,7%), gestisce il fondo Alpha.

 

Nonostante le perdite dei sottoscrittori le Sgr hanno continuato a incassare ogni anno commissioni che variano tra lo 0,8 e l’1,8% del valore del fondo. E come loro hanno guadagnato le banche depositarie, gli esperti che hanno redatto le perizie degli immobili, pur cambiandone piA? volte il valore e determinando l’oscillazione del prezzo delle quote. Al 30 giugno 2016, la valutazione dei periti del fondo Obelisco era di 1.118 euro, mentre quella di Europa Immobiliare 1 era di 1.314 euro, meno della metA� del valore iniziale. Le cose sembrano andar meglio per il fondo Alpha valutato 3.304 euro, ma si tratta di una salute apparente, perchA� dopo un avvio brillante A? dal 2012 che non distribuisce piA? proventi e per riuscire a vendere gli immobili ha chiesto una proroga di 15 anni con buona pace dei pensionati che nel 2002 hanno investito nel fondo. Salute permettendo, dovranno aspettare fino al 2030.

 

Regolamento Consob. Sui fondi avrebbero dovuto vigilare Banca d’Italia e Consob. Poste, dal canto suo, sostiene di non essere l’unico collocatore e sta cercando, non ancora ufficialmente, un accordo con i consumatori. Eppure, stando al regolamento Consob attuativo del Testo unico della finanza (art. 28), quei prodotti non sarebbero dovuti finire nei portafogli dei piccoli risparmiatori perchA� ad alto rischio: la durata temporale A? medio-lunga e sono difficili da vendere. Le Sgr li hanno pure collocati in Borsa per renderli piA? liquidi, ma le quotazioni sempre a sconto non hanno permesso di venderli.

 

I valori di Borsa riflettono le difficoltA� nella cessioni degli immobili. L’ultima quotazione del fondo Invest Real Security (28 dicembre 2016) era di 410 euro, ben lontana dai 1.229 euro del perito, ma ben piA? vicina al valore di liquidazione finale (390 euro). Oggi in Borsa Obelisco vale 216 euro, Europa Immobiliare 936 euro e Alpha 1.321. Per capire le perdite non serve un perito.a�?

Fonte: a�?la Repubblicaa�?

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *