Starbucks e le palme a Milano: “Stupiti dalle reazioni”

“Devo essere sincero, il dibattito sulle palme ci ha davvero stupito”. L’amministratore delegato di Starbucks Howard Schultz ha rilasciato oggi due interviste sulle edizioni cartacee delle due principali testate italiane, Corriere della Sera e Repubblica. Il numero uno del colosso americano, nato nel 1971 a Seattle e che oggi A? presente in 72 Paesi (fatturato 21 miliardi, utili 2,8) ha parlato del piano di investimento previsto dall’azienda in Italia: “Costruiremo una vera fabbrica del caffA� e un centro di panificazione con l’alleato italiano Princi. SarA� il negozio piA? grande d’Europa”.


A�

a�?La prima giornata milanese di Howard Schultz, amministratore delegato di Starbucks, A? cominciata presto: prima un’occhiata alle palme davanti al Duomo, poi di corsa da Rocco Princi per una lezione sulla pagnotta perfetta infine un discorso a braccio di quasi un’ora davanti a centinaia di studenti dell’universitA� Bocconi. Ad ascoltarlo, mentre parla di leadership, ci sono anche l’ex premier Mario Monti e l’ex amministratore delegato di Intesa Sanpaolo, Enrico Cucchiani.

Oggi, invece, al sindaco Giuseppe Sala presenterA� il progetto per l’apertura della prima caffetteria Starbucks in Italia. Il taglio del nastro A? in agenda alla fine dell’anno prossimo: la Roastery (torrefazione, ndr), uno spazio da 2.400 metri quadrati, occuperA� l’intero palazzo delle Poste di Piazza Cordusio. E “sarA� il nostro fiore all’occhiello. Un progetto unico”, spiega il manager che la scorsa estate ha annunciato una partnership con Princi, la panetteria milanese che sfornerA� i prodotti per tutte le Roastery del gruppo: da Seattle a Shanghai, da New York a Milano.

“C’A? voluto tempo per trovarlo, ma la prima volta che sono passato davanti all’edificio di piazza Cordusio – racconta Schultz – ho capito che sarebbe stato il posto perfetto per dare onore all’artigianalitA� del caffA? e dare omaggio alla cultura italiana”. L’apertura della prima caffetteria italiana chiude il cerchio di un’avventura iniziata nel 1971 a Seattle, ma il primo approccio con la cittA� non A? stato dei migliori. Il giardino tropicale con palme e banani davanti al Duomo ha diviso i milanesi. E c’A? stato il vandalo che ha bruciato una delle piante, la Lega Nord che ha colto l’occasione per attaccare il Comune che “cosA� i clandestini si sentiranno a casa”, mentre il sindaco su Instagram ha ammesso di non essere “cosA� entusiasta dell’idea, ma c’A? stato un bando e la sovrintendenza si A? espressa in modo positivo”.

“Il dibattito sulle palme ci ha stupiti”, dice Schultz. Spiegando che le sponsorizzazioni sono una strategia giA� adottata in diverse situazioni: “Quando entriamo in una cittA� nuova, soprattutto in una interessante e dinamica come Milano, vogliamo dare subito qualcosa alla comunitA�. Lo facciamo prima di aprire la caffetteria, A? una sorta di captatio benevolentiae e anche per questo la reazione ci ha stupiti cosA� tanto”. Il manager perA? ci tiene a sottolineare come Starbucks non abbia “disegnato il giardino: noi siamo semplicemente gli sponsor ed A? abbastanza strano per noi essere in questa posizione. Cerchiamo sempre di essere molto umili e rispettosi, spero che la gente capisca che volevamo solo fare qualcosa di utile per la cittA�”. Anche perchA� sul piatto c’A? un investimento da decine di milioni di euro e la promessa di centinaia di assunzioni: “Milano A? risorta dopo l’Expo. L’apertura della Roastery sarA� una catalizzatore che mostrerA� al mondo che posto incredibile sia Milano per investire. Per noi, invece, sarA� l’inizio di una nuova avventura”.

Un messaggio che il manager ha ripetuto anche davanti agli studenti della Bocconi dove ha parlato di leadership. “Per noi questi sono appuntamenti fondamentali nella formazione degli studenti – dice il rettore, Gianmario Verona -. Sono argomenti difficili da trasmettere attraverso i libri e le lezioni. Schultz A? un grande esempio per i nostri studenti, anche perchA� tratta con grande attenzione il tema della corporate social responsability”. “Le grandi aziende – ha spiegato Schultz – hanno grandi responsabilitA�. Non solo verso i loro azionisti, ma anche nei confronti dei loro dipendenti e delle comunitA� nelle quali vivono. Noi cerchiamo sempre di fare la nostra parte lavorando sul giusto bilanciamento tra utili e impatto sociale”.

Per Milano il manager promette salari piA? alti della media e assunzioni stabili oltre all’apertura di nuovi punti vendita nel corso del 2018. La Roastery di piazza Cordusio sarA� gestita direttamente dal gruppo americano, le altre caffetterie, invece, saranno avviate da Percassi.a�?

Fonte: a�?Repubblicaa�?

A�

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *