Lavazza, il fatturato sfiora i 2 miliardi

Lavazza archivia un 2016 record anche grazie all’acquisizione dei francesi di Carte Noire. I vertici del gruppo italiano presentano il bilancio a Laverune, nel sud della Francia, nella fabbrica ristrutturata della nuova consociata d’Oltralpe.

Il bilancio 2016 ha chiuso con un fatturato di 1,9 miliardi di euro, in aumento del 29 per cento rispetto al 2015.

A�

A�

a�?Ogni giorno, nel mondo, si bevono 27 miliardi di tazzine di caffA�. A�E’ il prodotto del nostro tempo, destinato a crescere. Abbiamo deciso di passare da azienda locale a gruppo mondiale, da produzione familiare a gestione manageriale. Questa scelta ha cambiato molte cose a livello di governance dell’impresa, ma i valori Lavazza sono rimasti gli stessiA�, afferma il presidente Giuseppe Lavazza. Fondato a Torino nel 1985, di proprietA� della famiglia da quattro generazioni, il gruppo A? presente in oltre novanta Paesi, esporta il 60% della sua produzione e grazie all’acquisizione di Carte Noire (con stabilimento nei pressi di Monpellier, nel sud della Francia) chiude il 2016 con A�un bilancio da record, il migliore della nostra storiaA�, dice il presidente.

A�

3,4 MILIONI DI SACCHI DI CAFFE’

I ricavi ammontano a 1,9 miliardi di euro, in crescita del 29% sull’esercizio precedente, il risultato operativo (ebit) si attesta a 61,7 milioni di euro (+34,1).A� A�Il nostro obiettivo A? arrivare al 70% della produzione esportata e portare il fatturato oltre i 2,2 miliardi di euro entro il 2020A�, anticipa l’amministratore delegato Antonio Baravalle. A�Il 2017 sarA� un anno importantissimo, ci concentreremo sulle acquisizioni fatte, guarderemo a nuovi progetti su mercati chiave per il nostro futuro. Un mix di crescita interna ed esterna, con una focalizzazione su innovazione, qualitA� e sostenibilitA�A�. Il 2016, aggiunge l’ad, A? stato A�un anno straordinario per il gruppoA�: 180 mila tonnellate di caffA� lavorato, 3,4 milioni di sacchi di caffA�’ crudo di 54 qualitA� diverse acquistati in 15 Paesi del mondo e un marchio cresciuto del 4%, il doppio rispetto al mercato. E poi le acquisizioni di Carte Noir, di Merrild in Danimarca e di Lavazza Australia. Per questo, spiegano i manager, sul fronte dell’utile “il risultato di 82,2 milioni non A? comparabile con quello del 2015 che usufruA� di una plusvalenza di 822,8 milioni generata dalla cessione della partecipazione in Keurig Green MountainA�. La posizione finanziaria netta A? pari a 687,5 milioni, contro gli 1,3 miliardi dell’esercizio precedente.

A�

A�RESTIAMO INDIPENDENTIA�

Sul mercato italiano, nonostante i consumi di caffA? siano scesi per il terzo anno consecutivo, Lavazza ha mantenuto la sua posizione di leadership con una quota del 41%. Importanti investimenti sono stati indirizzati al rinnovamento industriale, alle nuove sedi direzionali a Torino (dove A? in fase di realizzazione il quartier generale battezzato “la Nuvola”) e in Australia, alle novitA� prodotto con il lancio anche del liofilizzato. A�Sui mercati esteri siamo cresciuti del 30%A�, precisa l’amministratore delegato, ma la battaglia con la concorrenza A? dura. L’anno scorso il consumo totale di caffA?, ha raggiunto i 7,7 milioni di tonnellate, anche la Coca Cola entrerA� nel mercato. A�Nel settore sta succedendo quello che accade con il vino: A? prodotto sempre piA? da intenditori. E cresce il bio che, negli Usa vale il 2% per del mercato e in Canada il 10%A�, puntualizza Baravalle. E’ uno dei segmenti al quale l’azienda sta guardando nell’ambito dei futuri piani di espansione: negli ultimi due anni e mezzo Lavazza ha investito 150 milioni di euro sul fronte industriale. Come sottolinea Giuseppe Lavazza, A�nell’attuale scenario non ci sono alternative alla crescita. Nel vortice di fusioni e consolidamenti nel mondo del caffA?, Lavazza ha deciso di restare indipendente arricchendo il suo portafoglio e espendendosiA�. Alcuni pensano che un’azienda familiare sia obsoleta, A�ma noi non rischiamo l’estinzione, la famiglia A? forte, non temiano le oscillazioni di Borsa e non ragioniamo in termini di trimestri ma a lungo termine, per perseguire i nistri progetti restando fedeli a noi stessiA�.

Fonte: a�?il Messaggeroa�?

A�

A�

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *