Tag Archives: Brexit

“Shrinkflation”, il cibo costa di più ed è di meno

Prodotti più piccoli, stesso prezzo di prima. Si chiama shrinkflation ed è la tendenza a ridurre le dimensioni o il peso di alimenti di largo consumo mantenendo lo stesso prezzo. È successo negli ultimi cinque anni a 2500 prodotti nel Regno Unito, secondo quanto pubblicato dall’Ufficio di statistica nazionale inglese. Il fenomeno ha coinvolto cibi come barrette di cioccolato, caffè, tè, succhi di frutta fino ai cereali e alla carta igienica.

Share

Addio alla Tobin Tax: Francia e Germania contro la tassa sulle transazioni finanziarie

È stata la Brexit a cambiare la situazione sulla Tobin Tax, la tassa europea sulle transazioni finanziarie di cui si discute da anni. Con l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea molte attività finanziarie potrebbero spostarsi da Londra all’Europa e per questo la tassa rischierebbe di diventare un boomerang e di far scappare gli investitori invece che attrarli. Così la pensano Francia e Germania che negli scorsi giorni hanno annunciato un passo indietro sulla Tobin Tax.

Share

La Brexit potrebbe portare alla crisi il settore alimentare del Regno Unito

Una conseguenza sottovalutata della Brexit. Il settore dell’alimentazione e dell’agricoltura del Regno Unito potrebbe essere in pericolo se non si applicheranno più le regole dell’Unione europea in materia e se non verrà sviluppata una nuova politica in tempi rapidi. Lo evidenzia lo studio “A Food Brexit: time to get real”, fatto da tre università britanniche.

Share

Brexit, colpo di scena, serve il voto del parlamento

 

Britain's Home Secretary Theresa May delivers her keynote address on the second day of the Conservative party annual conference in Manchester, northern England September 30, 2013. REUTERS/Phil Noble (BRITAIN - Tags: POLITICS SOCIETY) - RTR3FFSM

 

La sentenza dell’Alta corte sull’uscita della Gran Bretagna dall’Ue: “Il Parlamento è sovrano”. La May chiede un colloquio con Juncker. Farage: “Ora si scatenerà la rabbia della gente”

 

 “  È un bastone fra le ruote della Brexit. Arriva a sorpresa lo storico verdetto dell’Alta corte di Londra che oggi, contro le previsioni, ha accolto il ricorso di un gruppo di attivisti pro Ue che chiedono un voto del Parlamento di Westminster per avviare il divorzio britannico da Bruxelles. Il giudice ha dato così torto e per certi versi umiliato il governo di Theresa May, che rivendicava invece il pieno diritto d’invocare l’articolo 50 del Trattato di Lisbona, anche ricorrendo alla cosiddetta Royal Prerogative.

Share