Cerca

PERUGIATERNIFOLIGNOCITTA’ DI CASTELLO–  SPOLETOORVIETOBASTIAASSISITRASIMENONARNIAMELIATODIMARSCIANOGUBBIOGUALDONOCERA

PERUGIATERNIFOLIGNOCITTA’ DI CASTELLO–  SPOLETOORVIETOBASTIAASSISITRASIMENONARNIAMELIATODIMARSCIANOGUBBIOGUALDONOCERA

Il commissario Guido Castelli scnocciola i numeri. In tanti preferiscono rimanere nelle casette

Il commissario Guido Castelli snocciola i numeri. In tanti preferiscono rimanere nelle casette

“Abbiamo circa 1.300 titolari di Contributo di autonoma sistemazione o fruitori di Sae (Soluzioni abitative in emergenza) che non hanno ancora presentato la domanda di ricostruzione”: a dirlo è il nuovo commissario straordinario alla ricostruzione post sisma 2016, Guido Castelli, a margine della riunione operativa che si è svolta al Centro funzionale della Protezione civile di Foligno con la presidente della Regione Donatella Tesei, l’Usr e i sindaci dei comuni umbri terremotati.

Nello spiegare il fenomeno che si sta verificando da più parti del cratere sismico, con famiglie che sembrerebbero prediligere la casetta Sae a un eventuale ritorno tra quattro mura, Castelli ha sottolineato come sia “necessario capire esattamente cosa c’è dietro questo tipo di condizione e dobbiamo capire se dopo tanti anni dobbiamo programmare una serie di scadenze oltre le quali si deve anche ritenere che qualcuno non ha l’interesse a ricostruire”. “Sono passaggi delicati ma che dovremo fare perché come è noto il sistema pubblico mette in campo risorse che assorbono una certa forza economica che potrebbe, invece, refluire verso il cratere”, ha aggiunto ancora il commissario.
“Entro metà febbraio – ha fatto sapere – ci sarà una ulteriore Cabina di coordinamento per affrontare di nuovo questo problema che già era stato discusso dal mio predecessore Giovanni Legnini”. “Siamo nel campo della fragilità, nel campo di coloro i quali hanno maturato diritti che sono da ricondurre anche alla decisione di presentare il progetto”, ha specificato Castelli.
Che, però, non ha dimenticato di evidenziare come quelli trascorsi siano stati “mesi difficili, in cui i progetti non venivano presentati per tanti motivi, a cominciare dal rincaro dei prezzi e quindi si necessita di una riflessione supplementare, ma la questione la dovremo affrontare entro il 2023”, ha concluso

Altre notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *