Cerca

PERUGIATERNIFOLIGNOCITTA’ DI CASTELLO–  SPOLETOORVIETOBASTIAASSISITRASIMENONARNIAMELIATODIMARSCIANOGUBBIOGUALDONOCERA

PERUGIATERNIFOLIGNOCITTA’ DI CASTELLO–  SPOLETOORVIETOBASTIAASSISITRASIMENONARNIAMELIATODIMARSCIANOGUBBIOGUALDONOCERA

Rete Ferroviaria Italiana sceglie Creti-Farneta, in Val di Chiana, per ospitare la nuova stazione dell'alta velocità Medioetruria, sul modello della Mediopadana realizzata tra Bologna e Milano

La decisione ieri al termine del tavolo tecnico convocato a Roma al Ministero delle Infrastrutture. Nel corso dell’incontro è stata esaminata la relazione – redatta da Rfi in collaborazione con tecnici toscani e umbri – a cui era stato dato il compito di indicare, secondo parametri oggettivi, il luogo più adatto per la realizzazione di una fermata dell’alta velocità tra Toscana e Umbria. Sul tavolo le possibilità erano Rigutino, alle porte di Arezzo, Creti o il potenziamento di stazioni esistenti come quelle di Arezzo o Chiusi. Secondo i dati analizzati da Rfi, il luogo più adatto tra quelli in corsa è Creti, frazione a 10 km da Cortona, in provincia di Arezzo. “Creti è la scelta più giusta per non fare l’opera. Una ipotetica cattedrale nel deserto”, così il sindaco di Arezzo per il quale la Regione Umbria ha giocato un ruolo da impropria protagonista ai danni della Regione Toscana. Ma il documento presentato da Rfi non avrebbe soddisfatto completamente neanche la Toscana. “Credo che la partita non sia risolta con questo documento”, ha detto a caldo l’Assessore regionale ai trasporti della Toscana Stefano Baccelli. La scelta di Creti-Farneta è stata sostenuta anche dalla sindaca di Siena e dall’assessore ai Trasporti umbro Enrico Melasecche.

Altre notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *